Nuovi criteri per l’esame delle richieste di emersione dal lavoro irregolare avviata nel 2012

A seguito del recente parere espresso dal Consiglio di Stato – Sezione Prima – il 28 aprile ed in ragione delle nuove linee interpretative emanate dal Ministero dell’Interno il 4 maggio, sono stati riconsiderati alcuni dei criteri che avevano improntato, presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione, le istruttorie concernenti l’emersione del lavoro irregolare per l’anno 2012.

Sanatoria 2012 – Il Ministero dell’interno smentisce le prefetture “restrittive”: i dinieghi vanno riesaminati

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento delle libertà civile e l’immigrazione ha fornito con apposita circolare, importanti chiarimenti sulle modalità di applicazione della sanatoria 2012 (art. 5 Dlgs 109/12) che è ancora oggetto di un vasto contenzioso derivante dalle applicazioni restrittive operate dalle Prefetture.

Carta Blu – Al via la possibilità di ingresso senza nulla osta per i lavoratori altamente qualificati

Con circolare congiunta del 5 maggio 2015 il Ministero dell’Interno ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali hanno fornito le indicazioni operative per la corretta applicazione dell’art.27 quater comma 8 del Testo Unico Immigrazione riguardante l’ingresso “senza nulla osta” di cittadini di paesi terzi che intendono  svolgere lavori altamente qualificati (cd. titolari di......

Legge di stabilità : il Bonus bebé solo ai cittadini stranieri lungosoggiornanti

Dal 1° gennaio 2015 è in vigore la Legge 23 dicembre 2014, n. 190 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità’ 2015)” che, all’art. 1, comma 125, prevede “Al fine di incentivare la natalità e contribuire alle spese per il suo sostegno, per ogni figlio nato o adottato tra il...

Assegno per famiglie numerose: va chiesto entro il 31 gennaio e basta un permesso di soggiorno valido per lavoro

Entro il 31 gennaio 2015 il genitore  naturale e/o adottivo e/o preadottivo di almeno tre minori conviventi ed  iscritti nella sua stessa scheda anagrafica (stato di famiglia) puo’ presentare la richiesta per ottenere l’assegno per famiglie numerose presso il proprio Comune di residenza .