Chiudere i porti è illegittimo – Lettera aperta di associazioni e ONG alle autorità e istituzioni italiane e internazionali

In una lettera inviata al Presidente della Repubblica, al Governo e al Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, le organizzazioni A Buon Diritto, ACLI, ActionAid, Amnesty International Italia, ARCI, ASGI, Casa dei Diritti Sociali, CNCA, Emergency, FCEI, INTERSOS, Médecins du Monde Missione Italia, Medici Senza Frontiere e Oxfam hanno denunciato le gravi violazioni delle norme int...

Asso 28 : Tavolo Asilo Nazionale chiede verità e giustizia per il respingimento collettivo di 101 persone verso la Libia

Oltre a richiedere chiarimenti in Parlamento al governo italiano, le organizzazioni si rivolgono all’ONU e all’Alto Commissariato per i rifugiati (UNHCR) auspicando un intervento per tutelare il diritto d’asilo e il rispetto delle convenzioni internazionali nel Mediterraneo.

Nave “Asso 28” e respingimento collettivo verso la Libia : vanno accertate subito le responsabilità

In attesa di conoscere tutti gli aspetti della vicenda che ha visto coinvolta la nave italiana “ Asso 28” operante in appoggio a una piattaforma petrolifera, che dopo aver salvato da un gommone 108 migranti riportandoli in Libia da dove fuggivano, l’ASGI evidenzia con assoluto sconcerto come quanto accaduto sembra delineare una delle più gravi...

Riportati dalla Guardia costiera in Libia, torturati e venduti : le associazioni fanno ricorso alla CEDU

In una conferenza stampa a Roma verrà illustrato il dossier prodotto da Forensic Oceanography/Forensic Architecture ed il ricorso presentato alla Corte Europea dei Diritti umani contro l’Italia per aver coordinato la Guardia Costiera libica nei respingimenti che hanno portato ad abusi e al decesso di cittadini migranti, due ancora minorenni.

La Corte Europea ammette i ricorsi contro l’espulsione collettiva dall’Italia di cittadini del Sudan

Nella conferenza stampa organizzata per giovedì 11 gennaio 2018 a Roma i rappresentati di Asgi e Arci illustreranno i particolari dei ricorsi  presentati dai cittadini rimpatriati in Sudan dalle autorità italiane e presenteranno altre iniziative contro l’esternalizzazione delle frontiere e del diritto d’asilo.

Danni all’immagine di una comunità accogliente: Governo e Ministero condannati per il CIE di Bari

Con la sentenza n. 4089 pubblicata il 10 agosto 2017 la prima sezione civile del Tribunale di Bari ha condannato la Presidenza del Consiglio e il ministero dell’Interno a versare un risarcimento agli enti locali e al pagamento delle spese processuali a favore della Regione Puglia per danni al prestigio e all’immagine della comunità locale.