Il “Contratto di Governo”: prestazioni sociali solo agli italiani e violazioni del diritto dell’UE

ASGI :”Una miope politica del “prima i nostri” ignora che l’uguaglianza è uno dei valori cardine sui quali si basa il nostro Patto sociale e rappresenta un motore allo sviluppo economico perché favorisce la miglior distribuzione delle risorse umane, riducendo la conflittualità”.

Bando per affissioni elettorali solo per operai italiani e comunitari : on line le modifiche del comune di Turbigo

A seguito della richiesta a modificare il bando a selezione pubblica del comune di Turbigo, finalizzato all’assunzione di quattro lavoratori a termine per le mansioni di addetto alle affissioni sui manifesti elettorali, il comune di Turbigo ci ha prontamente risposto, comunicandoci che ha modificato il bando.

Stranieri : vademecum sull’accesso alle prestazioni sociali

Aggiornamento del documento informativo realizzato dall’ASGI per chiarire i casi nei quali il diritto alle prestazioni sociali viene illegittimamente negato, fornendo indicazioni operative su come reagire.

Corte di Giustizia Europea: la cittadina extra UE titolare di permesso unico lavoro ha diritto all’assegno famiglie numerose

Con sentenza del 21 giugno 2017 la Corte di Giustizia Europea, esaminando il caso di una signora ecuadoriana alla quale il Comune di Genova e l’INPS avevano negato l’assegno famiglie numerose, ha affermato che i cittadini extra UE titolari di un permesso che consente di lavorare hanno diritto alla parità di trattamento nell’accesso alle prestazioni di sicurezza sociale in forza dell’art. 12 diret...

La Corte d’Appello di Milano riconosce il diritto al bonus bebè ai  titolari di permesso unico lavoro

Dopo le decisioni favorevoli della Corte d’appello di Brescia , anche la Corte d’Appello di Milano - con sentenza del 29 maggio 2017 - ha riconosciuto il diritto di una cittadina extra UE titolare di permesso unico lavoro al cd. bonus bebè di cui all’art. 1 comma 125 L. 190/2014 riformando l’ordinanza del tribunale di Lodi del 11.10.2016.

L’assegno sociale spetta al cittadino extra UE residente in Italia da 10 anni anche in assenza del permesso di lungosoggiorno

E' quanto è stato deciso con sentenza del 11 maggio 2017 dalla Corte d'Appello di Firenze che ha riconosciuto il diritto alla prestazione di cui all'art. art. 3, comma 6, L. 335/95 ad una cittadina albanese residente in Italia dal 2003 ma priva del permesso di lungo soggiorno.