L’UNAR invia all’ANCI linee guida in materia di alloggi pubblici

Lo scorso 16 febbraio, Triantafillos Loukarelis, direttore dell’UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indirizzato una lettera al Presidente dell’ANCI Antonio Decaro affinché, i criteri adottati da alcuni comuni per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica rispettino la normativa nazionale in materia di parità di trattamento, soprattutto nei confronti di alcune categorie di persone che versano in stato di bisogno.

Si legge nella lettera: “In una piena ottica di collaborazione e di messa al servizio di tutti i Comuni italiani l’ufficio ha redatto delle linee guida perché possano fungere da concreto ausilio per i Comuni che gestiscono l’assegnazione degli alloggi ERP in favore di migliaia di famiglie, al fine di evitare un eventuale contenzioso in materia di violazione delle norme antidiscriminatorie. Ci auguriamo, che tali note giuridiche contenenti una rispettosa interpretazione delle norme in materia di parità di trattamento, in combinato disposto con la recente giurisprudenza costituzionale sul punto, possano indirizzare quei Comuni che hanno scelto attraverso specifici criteri di limitare la platea che può avere accesso agli alloggi di edilizia residenziale pubblica, verso una rimozione tempestiva di ogni forma di discriminazione

Le linee guida dell’UNAR confermano quanto ASGI sostiene ormai da diversi mesi (a ragione) anche nelle aule dei Tribunali: la pubblica amministrazione non può introdurre requisiti discriminatori (diretti o indiretti) per gli stranieri nell’accesso agli alloggi ERP e non può mettere in discussione l’accesso a un diritto fondamentale, quale il diritto alla casa, riconosciuto quale diritto inviolabile dalla Carta Europea dei diritti fondamentali.

Da ultimo, la Corte Costituzionale ha posto fine a ogni dubbio dichiarando incostituzionali due norme della legge regionale abbruzzese che richiedevano documenti aggiuntivi ai soli cittadini extra UE che presentavano domanda di alloggi ERP, nonché attribuivano punteggi ulteriori ai cittadini che dimostravano un’anzianità di residenza sul territorio regionale.


Tratto dal sito dell’UNAR

La lettera all’ANCI

Le linee guida

Pin It