Un piano di lotta contro il razzismo in Francia

Lo scorso aprile il primo ministro francese Manuel Valls ha presentato il Piano di lotta contro il razzismo che prevede uno stanziamento di 100 milioni per i prossimi tre anni da investire in circa quaranta misure in tre aree principali: giustizia, istruzione e web. L’iniziativa è seguita all’ondata di razzismo avvenuta dopo gli attacchi contro la redazione di Charlie Hebdo.Dal punto di vista delle tutela giuridica, è prevista l’introduzione della repressione penale dei discorsi di odio e dell’aggravante del razzismo e dell’antisemitismo. E’, inoltre, pianificata un’unità nazionale per la lotta ai discorsi di incitamento all’odio online.

Anche in Italia si è più volte parlato dell’introduzione di un Piano Nazionale Antirazzismo, soprattutto su impulso dell’allora Ministro per l’Integrazione di Cecile Kyenge che, avvalendosi di UNAR per la redazione della bozza iniziale, aveva presentato il Piano durante l’estate del 2013.