Corte d’Appello di Milano, ordinanza 31 maggio 2022

E’ rilevante e non manifestamente infondata, in riferimento agli artt. 3, 11 e 117, primo comma, Cost., questi ultimi in relazione agli artt. 21 e 34 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, all’art. 24, comma 1, direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, e all’art. 7, par. 2, del Regolamento 492/11 del Parlamento...

Corte d’Appello di Venezia, sentenza del 15 aprile 2022

Costituisce discriminazione la delibera della Giunta regionale del Veneto n. 753/19 nella parte in cui nega il diritto alla iscrizione obbligatoria al servizio sanitario nazionale dei cittadini extracomunitari familiari a carico di cittadino italiano in quanto si pone in violazione del principio di parità di trattamento sancito dal combinato disposto degli artt.19 e 23 Dlt.30/07...

Tribunale di Padova, ordinanza 12 aprile 2022

La delibera della Giunta regionale Veneto n. 753 del 4.06.19, nella parte in cui prevede che non possano essere iscritti al SSN i familiari extra UE di cittadini dell'UE titolari di Carta di soggiorno in quanto genitori ultrasessantacinquenni di cittadini dell'Unione entrati dopo il 5.11.08, costituisce discriminazione ponendosi in contrasto con gli artt. 19 e 23 d.lgs. 30/07.

Tribunale di Torino, sentenza 25 marzo 2022

La revoca del RDC disposta dall’INPS e la conseguente richiesta di restituzione delle somme percepite per carenza del requisito di residenza decennale è illegittima in quanto l’Istituto aveva disposto le verifiche solo nell’ultimo comune di residenza, mentre non aveva tenuto conto di un pregresso periodo di residenza precedente a una cancellazione per irreperibilità e dunque il requisito dei 10 anni di residenza richiesta dalla legge risulta perfettamente integrato.

Tribunale di Trieste, ordinanza 24 marzo 2022

Costituisce discriminazione la condotta tenuta dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dall’A.T.E.R. della provincia di Trieste consistente nell'aver escluso un cittadino tunisino soggiornante di lungo periodo dalla graduatoria per l’assegnazione degli alloggi di edilizia sovvenzionata di cui al bando n. 1/2019, nonostante egli abbia attestato il requisito dell’impossidenza da parte di tutti i componenti del nucleo familiare di alloggi in Italia e all’estero mediante una dichiarazione sostitutiva di certificazione rilasciata ai sensi del d.P.R. 445/2000, pretendendo invece erroneamente la produzione di certificati o attestazioni rilasciati dalla competente autorità dello Stato estero di provenienza e di origine, rilasciati non più di sei mesi prima, corredati di traduzione in lingua italiana autenticata dall'autorità consolare italiana attestante la conformità all'originale.

Tribunale di Foggia, sentenza del 23 febbraio 2022

Sussiste il diritto dei titolari di permesso di soggiorno per richiesta asilo a percepire l'indennità di disoccupazione agricola in quanto, a differenza dei lavoratori stagionali che hanno l'autorizzazione a svolgere attività lavorativa sul territorio nazionale fino ad un massimo di nove mesi in un periodo di dodici mesi, i richiedenti asilo, ai sensi dell’articolo 22 d.l.vo 142/2015, possono svolgere attività lavorativa decorsi 60 giorni dalla presentazione della domanda, senza limiti di tempo.

Tribunale di Milano, ordinanza 22 febbraio 2022

Costituisce discriminazione la condotta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Politiche della Famiglia, consistente nell’esclusione dal portale per la presentazione delle domande di “carta della famiglia” i cittadini extra UE in quanto tale esclusione è in contrasto con le direttive UE 2011/98; 2003/09, 2011/95, 2009/50, contrasto accertato dalla CGUE con sentenza del 28 ottobre 2021 n. 462 a seguito di rinvio pregiudiziale, sicché la Presidenza deve modificare il DPCM 27.6.2019 nelle parti in contrasto con le suddette norme e pertanto garantire l’accesso alla prestazione, a parità di condizioni con i cittadini italiani, ai cittadini stranieri titolari di permesso di soggiorno di lungo periodo, di permesso unico lavoro, di permesso “carta blu”, di status di rifugiato o di protezione sussidiaria; la amministrazioni sono altresì convenute in solido tra loro a pagare alle associazioni ricorrenti, ai sensi dell’art. 614 bis c.p.c., euro 100 per ogni giorno di ritardo nell’adempimento dei predetti obblighi di modifica a decorrere dal 90mo giorno successivo alla notifica dell' ordinanza;

Corte d’Appello di Trieste, sentenza 4 febbraio 2022

E' sufficiente, in materia di discriminazioni degli stranieri nell'accesso al fondo di sostegno alle locazioni, la disapplicazione dell'art. 29 co. 1 bis l.r. del FVG n. 1/2016 - il quale impone la produzione di certificazione di "impossidenza" ai soli cittadini extra UE - in favore dell'applicazione della disciplina italiana in materia di dichiarazioni sostitutive oppure quella vigente in materia di certificazione ISEE (che vale anche per i cittadini extracomunitari e consente di ricostruire la titolarità o meno di immobili abitativi sia in Italia che all'estero) in quanto, seppur l'art.11 comma 1 lettere d) ed f) della direttiva 109/2003 sia direttamente applicabile nell'ordinamento italiano, l'effetto discriminatorio della norma non riguarda i requisiti sostanziali per l'accesso a una determinata prestazione assistenziale, ma il regime della prova; sicché non vi è alcun bisogno di individuare, a livello comunitario, una fonte alternativa da cui ricavare i presupposti per la concessione del beneficio.

Tribunale di Roma, ordinanza 31 gennaio 2022

Sussiste il diritto all'immediata attivazione della carta elettronica prepagata Postepay Card per una richiedente asilo, titolare della ricevuta della domanda del permesso di soggiorno, essendo sussistenti sia il fumus boni iuris che il periculum in mora in quanto, in particolare il periculum, è insito nel riconoscimento del diritto della ricorrente alla erogazione e, quindi, alla percezione, del bonus spesa Covid – 19, misura emergenziale volta a garantire proprio le primarie necessità dei cittadini italiani e stranieri maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria.

Tribunale di Foggia, sentenza 28 gennaio 2022

La condotta del Comune di Manfredonia, consistente nell’aver negato a una titolare di permesso unico lavoro l’assegno di maternità di base ex art. 74 d.lgs. 26 marzo 2001 n. 151 per mancanza del requisito della titolarità di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo costituisce discriminazione in quanto l’art. 12, paragrafo 1, lettera e), della direttiva n. 2011/98/UE, sulla parità di trattamento tra cittadini di Paesi terzi e cittadini degli Stati membri è direttamente applicabile nell'ordinamento italiano.

Corte di Cassazione, III sez. pen., sentenza n. 44366 del 1 dicembre 2021

Nella interpretazione dell’art. 7, comma 1, DL 4/19, in materia di reddito di cittadinanza, che prevede la sanzione della reclusione da 2 a 6 anni per “chiunque, al fine di ottenere indebitamente il beneficio…rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero omette informazioni dovute”, occorre valorizzare il riferimento al carattere “indebito” della prestazione che l’interessato intende ottenere, con la conseguenza che, qualora la falsa dichiarazione sia irrilevante ai fini del diritto alla percezione, essendo la prestazione comunque dovuta, non è integrato il reato di cui alla predetta norma.

Tribunale di Bari, ordinanza 21 gennaio 2022

La disposizione di cui all’art. 2, comma 6 bis D.L. 69/1988 ai sensi della quale non possono essere considerati i familiari residenti all'estero ai fini del riconoscimento dell'Assegno al nucleo familiare, costituisce discriminazione e deve essere disapplicata in virtù del principio del primato del diritto dell'Unione, secondo quanto ripetutamente affermato dalla Corte di Giustizia, sicché il principio di parità di trattamento nell'accesso alle prestazioni sociali di cui all'art. 11 della direttiva 2003/109/UE, essendo sufficiente preciso e incondizionato, è da considerarsi direttamene applicabile nell'ordinamento italiano.
Numero dei documenti:

D.P.R. 12 ottobre 1993, n. 572

Regolamento di esecuzione della legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza.

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 4 gennaio 1994.

  

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’art. 87 della Costituzione;

Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza, ed in particolare l’art. 25;

Visto l’art. 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nelle adunanze generali del 30 novembre 1992 e del 17 maggio 1993;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 7 ottobre 1993;

Sulla proposta dei Ministri degli affari esteri e dell’interno, di concerto con il Ministro di grazia e giustizia;

Emana il seguente regolamento:

Art. 1

Definizioni

1.   Nel presente regolamento la legge 5 febbraio 1992, n. 91, e’ indicata con la denominazione “legge”.

2. Ai fini dell’acquisto della cittadinanza italiana:

a.       si considera legalmente residente nel territorio dello stato chi vi risiede avendo soddisfatto le condizioni e gli adempimenti previsti dalle norme in materia d’ingresso e di soggiorno degli stranieri in Italia e da quelle in materia d’iscrizione anagrafica;

b.      si considera che abbia prestato effettivamente servizio militare chi abbia compiuto la ferma di leva nelle forze armate italiane o la prestazione di un servizio equiparato a quello militare, a condizione che queste siano interamente rese, salvo che il mancato completamento dipenda da sopravvenute cause di forza maggiore riconosciute dalle autorità competenti;

c.       salvi i casi nei quali la legge richiede specificamente l’esistenza di un rapporto di pubblico impiego, si considera cha abbia prestato servizio alle dipendenze dello stato chi sia stato parte di un rapporto di lavoro dipendente con retribuzione a carico del bilancio dello stato.

Art. 2

Acquisto della cittadinanza per nascita nel territorio dello stato

1. Il figlio, nato in Italia da genitori stranieri, non acquista la cittadinanza italiana per nascita ai sensi dell’art. 1, comma 1, lettera b), della legge, qualora l’ordinamento del paese di origine dei genitori preveda la trasmissione della cittadinanza al figlio nato all’estero, eventualmente anche subordinandola ad una dichiarazione di volonta’ da parte dei genitori o legali rappresentanti del minore, ovvero all’adempimento di formalita’ amministrative da parte degli stessi.

Art. 3

Dichiarazione di volontà

1. la dichiarazione di volonta’ rivolta all’acquisto della cittadinanza di cui all’art. 2, comma 2, della legge deve essere corredata della seguente documentazione:

a. atto di nascita;

b.  atto di riconoscimento o copia autentica della sentenza con cui viene dichiarata la paternita’ o maternita’, ovvero copia autentica della sentenza che dichiara efficace in Italia la pronuncia del giudice straniero,ovvero copia autentica della sentenza con cui viene riconosciuto il diritto al mantenimento o agli alimenti;

c. certificato di cittadinanza del genitore.

2. La dichiarazione di volonta’ di cui all’art. 4, comma 1, lettere b) e c), della legge deve essere corredata della seguente documentazione:

a. atto di nascita;

b. certificato di cittadinanza italiana per nascita del padre o della madre o di uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado;

c. documentazione relativa alla residenza, ove richiesta.

3. Ai fini dell’acquisto della cittadinanza ai sensi dell’art. 4, comma 1, lettera c), della legge l’interessato deve aver risieduto legalmente in Italia senza interruzioni nell’ultimo biennio antecedente il conseguimento della maggiore eta’ e sino alla data della dichiarazione di volonta’.

4. La dichiarazione di volonta’ di cui all’art. 4, comma 2, della legge deve essere corredata della seguente documentazione:

a. atto di nascita;

b.  documentazione relativa alla residenza.

Art. 4 (1)

(1) Questo articolo è stato abrogato dall’art. 8 del D.P.R: 18 aprile 1994, n. 362.

Art. 5

Reiezione delle istanze di concessione

1. L’autorita’ competente a respingere con proprio provvedimento motivato l’istanza prodotta ai sensi dell’art.9 e’ il ministro dell’interno.

2. L’istanza di cui al comma 1 puo’ essere riproposta dopo un anno dall’emanazione del provvedimento stesso.

Art. 6

Riconoscimento della sentenza straniera di condanna

1. Ai fini dell’applicazione del comma 4 dell’art. 6 della legge, il procedimento di riconoscimento della sentenza straniera di condanna si considera pendente con la formale richiesta da parte del ministero dell’interno al ministero degli affari esteri per l’avvio della procedura necessaria ad ottenere copia della sentenza stessa.

Art. 7 (1)

Notifica e giuramento

(1) Questo articolo è stato abrogato dall’art. 8 del D.P.R: 18 aprile 1994, n. 362.

Art. 8

Rinuncia alla cittadinanza

1. All’estero, la rinuncia alla cittadinanza deve farsi dinanzi all’autorita’ diplomatica o consolare italiana competente per il luogo dove il rinunziante risiede. [questa la iscrive in apposito registro e ne rimette immediatamente copia al ministero dell’interno ed al comune competente, secondo le norme dell’ordinamento dello stato civile per la trascrizione e l’annotazione a margine dell’atto di nascita](1).

2. In Italia, la rinuncia alla cittadinanza italiana deve essere fatta dinanzi all’ufficiale dello stato civile del comune di residenza.

3. La dichiarazione di rinuncia deve essere corredata della seguente documentazione:

a. atto di nascita rilasciato dal comune presso il quale detto atto risulta iscritto o trascritto;

b. certificato di cittadinanza italiana;

c. documentazione relativa al possesso della cittadinanza straniera;

d. documentazione relativa alla residenza all’estero, ove richiesta.

(1) Questo periodo è stato abrogato dall’art. 110,  comma 5, del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396.

Art. 9

Decreto di intimazione

1. L’intimazione di cui all’art. 12, comma 1, della legge e’ fatta con decreto del ministro dell’interno ed ha effetto dal giorno della notificazione all’interessato.

2. Perde la cittadinanza, dal giorno successivo al termine fissato dal decreto di intimazione, chi non ha abbandonato, entro il termine medesimo, l’impiego o la carica accettati da uno stato, da un ente pubblico estero o da un ente internazionale, ovvero il servizio militare per uno stato estero.

Art. 10

Riacquisto della cittadinanza

1. Le dichiarazioni di riacquisto di cui agli articoli 13 e 17 della legge devono essere corredate della seguente documentazione:

a. atto di nascita rilasciato dal comune presso il quale detto atto risulta iscritto o trascritto;

b. documentazione da cui risulti il trascorso possesso della cittadinanza italiana;

c. documentazione relativa al possesso della cittadinanza straniera, ovvero allo status di apolidia;

d. certificato di situazione di famiglia o documentazione equipollente.

Art. 11

Inibizione al riacquisto

1. Agli effetti dell’art. 13, comma 1, lettera e), della legge la prova di aver abbandonato l’impiego o la carica accettati da uno stato, da un ente pubblico estero o da un ente internazionale, nonche’ il servizio militare per uno stato estero deve essere data al ministero dell’interno.

2. Il decreto di inibizione che impedisce il verificarsi del riacquisto della cittadinanza nonostante l’adempimento delle condizioni stabilite dal comma 1, lettere c), d) ed e), dell’art. 13 della legge viene trasmesso al competente ufficiale dello stato civile per la trascrizione e l’annotazione a margine dell’atto di nascita.

3. ai fini dell’applicazione dell’art. 13, comma 3, della legge il sindaco e’ tenuto a dare comunicazione al prefetto della provincia, nel cui territorio e’ compreso il comune, delle generalita’ degli ex connazionali iscritti nell’anagrafe della popolazione residente, entro trenta giorni dalla loro iscrizione.

Art. 12

Acquisto della cittadinanza da parte dei figli minori

1. Ai fini dell’applicazione dell’art. 14 della legge l’acquisto della cittadinanza, da parte dei figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, si verifica se essi convivono con il genitore alla data in cui quest’ultimo acquista o riacquista la cittadinanza.

2. La convivenza deve essere stabile ed effettiva ed opportunamente attestata con idonea documentazione.

Art. 13

Decorrenza dell’acquisto e del riacquisto della cittadinanza

1. In applicazione dell’art. 15 della legge, l’acquisto od il riacquisto della cittadinanza, di cui agli articoli 4,comma 1, lettera a), e 13, comma 1, lettera a), della legge, decorrono dal giorno successivo a quello del congedamento.

Art. 14 (1)

Dichiarazioni di cittadinanza

1. (1)

2. (1)

3. la rinuncia alla cittadinanza ai sensi degli articoli 3, comma 4, 13, comma 1, lettera d), e 14 della legge consente di poter successivamente acquistare la cittadinanza soltanto in applicazione degli articoli 5 e 9 della legge.

4. (1)

(1) Questo comma è stato abrogato dall’art. 8 del D.P.R: 18 aprile 1994, n. 362.

Art. 15

Sanzioni amministrative

1. L’autorita’ competente ad applicare la sanzione amministrativa di cui all’art. 24 della legge e’, per il cittadino italiano residente in Italia, il prefetto della provincia nel cui territorio e’ compreso il comune di residenza e,per il cittadino italiano residente all’estero, il prefetto della provincia nel cui territorio e’ compreso il comune nei cui registri deve essere trascritta, ai sensi dell’ordinamento dello stato civile, la dichiarazione prevista dal medesimo art. 24 della legge.

Art. 16

Adempimenti relativi allo stato civile

1. L’ufficiale dello stato civile che ha iscritto la dichiarazione dell’interessato, volta all’acquisto, alla perdita, al riacquisto o al mancato riacquisto della cittadinanza, trasmette copia della dichiarazione medesima e della documentazione che la correda all’autorita’ competente ad accertare la sussistenza delle condizioni che la legge stabilisce per il prodursi degli effetti anzidetti.

2. L’autorita’ competente, ai sensi del comma 1, e’ il sindaco del comune in cui la dichiarazione e’ stata iscritta, nelle ipotesi previste dagli articoli 2, commi 2 e 3; 3, comma 4; 4, comma 1, lettera c); 4, comma 2;11; 13, comma 1,lettere c) e d); 14 e 17 della legge.

3. Quando la dichiarazione, con la documentazione che la correda, e’ stata ricevuta dall’autorita’ diplomatica o consolare, e’ questa competente, nelle ipotesi previste nel comma 2, ad operare l’accertamento della sussistenza delle condizioni stabilite dalla legge.

4. In ogni altra ipotesi, diversa da quelle menzionate nel comma 2, in cui pure sia prevista una dichiarazione dell’interessato, competente all’accertamento e’ il ministero dell’interno, al quale l’ufficiale dello stato civile o l’autorita’ diplomatica o consolare trasmettono copia della dichiarazione ricevuta dall’interessato e della documentazione da questi prodotta.

5. L’autorita’ diplomatica o consolare, nei casi in cui provvede direttamente all’accertamento, trasmette all’ufficiale dello stato civile dello stato civile competente (1) copia della dichiarazione ricevuta e comunicazione dell’esito dell’accertamento. il sindaco, nei casi di sua competenza, trasmette all’ufficiale dello stato civile comunicazione dell’esito dell’accertamento.analogamente provvede il ministero dell’interno nei riguardi dell’ufficiale dello stato civile che gli ha inviato gli atti; quando questi gli sono pervenuti dall’autorita’ diplomatica o consolare, trasmette all’ufficiale dello stato civile individuato ai sensi del citato art. 63, anche copia della dichiarazione dell’interessato.

[6. L’ufficiale dello stato civile provvede per la trascrizione della dichiarazione nei registri di cittadinanza quando essa non sia stata a lui resa. provvede altresi’ per la trascrizione nei medesimi registri della comunicazione ricevuta circa l’esito dell’accertamento e per l’annotazione nell’atto di nascita dell’interessato della dichiarazione gia’ iscritta o trascritta e della comunicazione anzidetta.] (2)

7. La trasmissione degli atti e delle comunicazioni indicati nel presente articolo deve essere effettuata senza indugio. l’accertamento circa la sussistenza delle condizioni stabilite dalla legge per l’acquisto, la perdita, il riacquisto, il mancato riacquisto della cittadinanza deve essere compiuto dall’autorita’ competente entro centoventi giorni dalla ricezione degli atti.

8. Ad esclusione delle ipotesi previste dall’art. 1 della legge e di quelle in cui sia richiesta una dichiarazione dell’interessato, il sindaco, sulla base delle risultanze dello stato civile ed anagrafiche, emette attestazione dell’acquisto, dalla perdita o del riacquisto della cittadinanza da persone residenti nel comune o iscritte all’aire del comune e la trasmette, ai fini della trascrizione nei registri di cittadinanza e dell’annotazione nell’atto di nascita, all’ufficiale dello stato civile. (3)

9. La certificazione di cittadinanza e’ rilasciata, sulla base delle risultanze dello stato civile ed anagrafiche,in Italia dal sindaco del comune di residenza degli interessati e all’estero dall’autorita’ diplomatica o consolare competente per territorio. non possono essere rilasciati certificati o documenti che abbiano per presupposto l’essersi prodotto uno degli effetti previsti dalla legge senza che sia stata previamente accertata dall’autorita’ competente la sussistenza di tutte le condizioni stabilite perche’ tale effetto si sia prodotto.

(1) Le originarie parole “all’ufficiale dello stato civile individuato ai sensi dell’art. 63, secondo comma, R.D. 9 luglio 1939, n. 1238” sono state cosi’ sostituite dall’art. 110, comma 6, lett. a) del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396.

(2) Questo comma è stato abrogato dall’art. 110 comma 6, lett. a) del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396.

(3) L’ultimo perido di questo comma è stato aggiunto dall’art. 110 comma 6, lett. a) del D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396.

Art. 17

Certificazione della condizione d’apolidia

1. Il ministero dell’interno puo’ certificare la condizione di apolidia, su istanza dell’interessato corredata della seguente documentazione:

a. atto di nascita;

b. documentazione relativa alla residenza in Italia;

c. ogni documento idoneo a dimostrare lo stato di apolide.

2. E’ facolta’ del ministero dell’interno di richiedere, a seconda dei casi, altri documenti.

Art. 18

Regime transitorio delle rinunce al riacquisto

1. Le dichiarazioni di rinuncia al riacquisto di cui all’art. 13, comma 1, lettera d), della legge possono essere rese alla competente autorita’ entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente regolamento qualora effettuate da coloro i quali, non avendo ancora riacquistato la cittadinanza secondo le disposizioni di cui all’art. 9, primo comma, n. 3, dell’abrogata legge 13 giugno 1912, n. 555, abbiano maturato o maturino nel termine predetto il periodo di residenza previsto dal citato art. 13, comma 1, lettera d).

Art. 19

Abrogazione di norme

1. E’ abrogato il regio decreto 2 agosto 1912, n. 949, dalla data di entrata in vigore del presente regolamento

dpr.572.93

Pin It