Tribunale ordinario di Firenze, sezione protezione internazionale civile, ordinanza dell’11 gennaio 2020

E’ illegittimo il diniego di permesso di soggiorno richiesto ai sensi dell’art. 18 d.leg. n. 286 del 1998, per ragioni di protezione sociale inoltrato dallo straniero che abbia sporto denunzia (nella specie, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione con violenza e minacce), motivato esclusivamente in base all’avvenuta presentazione di detta richiesta di archiviazione. La Questura di...

Corte Costituzionale, sentenza del 6 novembre 2019, depositata il 13 dicembre 2019, n. 270

È incostituzionale l’art. 13, comma 3-quater, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero), nella parte in cui non prevede che, nei casi di decreto di citazione diretta a giudizio ai sensi dell’art. 550 del codice di procedura penale, il giudice...

Tribunale Amministrativo Regionale del Veneto, sentenza del 9 dicembre 2019

In base alla normativa contenuta nel Testo Unico per l’Immigrazione e per effetto della modifica apportata dal D.lgs n.12/2014, art. 3, “La dizione «permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo» presente nel decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, nonche’ in qualsiasi altra disposizione normativa, si intende sostituita dalla dizione «permesso di soggiorno...

Tribunale di Lecce, ordinanza 6 dicembre 2019

Sussiste il fumus boni iuris e dunque il diritto all'iscrizione anagrafica del richiedente asilo all'anagrafe di Carmiano in quanto l'art. 13 del d.l. 113/2018 si è limitato ad abrogare la precedente disciplina dell'iscrizione automatica istituita dalla l. 46/2o17 e sussiste il periculum in mora in quanto la mancata iscrizione del ricorrente ai registri anagrafici impedirebbe l'esercizio di diritti di rango costituzionale, non ristorabili per equivalente, come il diritto al lavoro, il diritto all'istruzione, il diritto alla famiglia.

Tribunale di Roma, ordinanza 25 novembre 2019

Sussiste il diritto all'iscrizione anagrafica del ricorrente titolare del permesso di soggiorno per richiesta asilo in virtù di un'interpretazione costituzionalmente orientata dell'art. 13 d.l.113/2018 convertito in l. 132/2018, sicché la mancata iscrizione nel Comune di residenza preclude l'esercizio dei diritti di rilievo costituzionale, tra cui l'accesso al lavoro, che non sono suscettibili di adeguato ristoro nella forma dell'equivalente monetario all'esito della causa di merito.

Corte europea dei diritti dell’uomo, sentenza del 14 novembre 2019

“In base alla giurisprudenza della Corte, viola la Convenzione uno Stato il quale in base alle informazioni ad esso disponibili sapeva, o avrebbe dovuto sapere, che rimpatriando una persona questa sarebbe stata esposta al rischio di subire un pregiudizio di diritti fondamentali garantiti dalla CEDU quali il diritto alla vita (art. 2) o il diritto...

Corte di giustizia dell’Unione europea, sentenza del 12 novembre 2019 nella causa C-233/18

Un richiedente protezione internazionale colpevole di una grave violazione delle regole del centro di accoglienza presso cui si trova o di un comportamento gravemente violento non può essere sanzionato con la revoca delle condizioni materiali di accoglienza relative all’alloggio, al vitto o al vestiario

Corte di Cassazione, sentenza 7 novembre 2019

Gli enti e associazioni iscritti nell’elenco di cui all’art. 5 d.lgs. 215/2003 hanno legittimazione attiva non solo nelle controversie in materia di discriminazioni basate sulla etnia e razza, ma anche in quelle basate sulla nazionalità. La legittimazione degli enti collettivi in materia di discriminazione costituisce infatti una regola generale, funzionale all’esigenza di apprestare la tutela, attraverso un rimedio di natura inibitoria, ad una serie indeterminata di soggetti per contrastare il rischio di una lesione avente natura diffusiva e che perciò deve essere, per quanto possibile, prevenuta o circoscritta nella sua portata offensiva; conseguentemente non sarebbe ammissibile una interpretazione delle norme che, per il solo fattore nazionalità, escluda tale legittimazione che è invece prevista per tutti gli altri fattori.
Numero dei documenti:

Corte di Cassazione S.U., sentenza n. 30757, 6 novembre 2018

In tema d’immigrazione, l’opposizione avverso il diniego del questore al rilascio del permesso di soggiorno previsto dall’art. 22, comma 12-quater del d.lgs. n. 286 del 1998 in favore del cittadino straniero vittima di sfruttamento lavorativo appartiene alla giurisdizione del giudice ordinario, che procederà con cognizione piena a verificare la sussistenza dei relativi presupposti, atteso che il parere dal procuratore della Repubblica, cui è condizionato il rilascio del permesso da parte del questore, costituisce esercizio di discrezionalità tecnica ed esaurisce la propria rilevanza all’interno del procedimento amministrativo, non vincolando l’autorità giurisdizionale.

permesso di soggiorno per sfruttamento lavorativo – art. 22 comma 12-quater d.Lgs. 286/98 – giurisdizione giudice ordinario – parere Procura della Repubblica – necessario al rilascio del permesso – esercizio discrezionalità tecnica all’interno del procedimento amministrativo – autorità giudiziaria non vincolata

Corte di Cassazione S.U.., sentenza n. 30757 del 6.11.2018, pres. Mammone, rel. Rubino

Pin It