La Commissione europea sull’accordo UE- Turchia

La Commissione europea ha diffuso un comunicato in cui definisce alcuni principi in merito all’applicazione dell’accordo tra Unione europea e Turchia raggiunto nel Consiglio europeo del 7 marzo 2016.Secondo la Commissione ciò sarebbe possibile “sfruttando appieno il potenziale della cooperazione UE-Turchia e rispettando al tempo stesso il diritto europeo e internazionale”.

Il 15 ottobre 2015  la Commissione europea aveva concluso con la Turchia un accordo ad referendum su un piano d’azione comune per migliorare la cooperazione nella gestione della migrazione,  avviato in occasione del vertice UE-Turchia del 29 novembre 2015. Tale piano individuava una serie di azioni che l’Unione europea e la Repubblica di Turchia dovrebbero attuare in collaborazione per gestire le richieste di persone bisognose di protezione nel suo territorio. L’Unione europea si è inoltre impegnata, a livello sia di istituzioni che di Stati membri, a intensificare l’impegno politico con la Turchia, fornendo un consistente supporto finanziario, accelerando la tabella di marcia per l’attuazione della liberalizzazione dei visti e ridando slancio al processo di adesione.

In seguito alla riunione con il primo ministro Davutoğlu, il 7 marzo 2016 i capi di Stato o di governo dell’UE hanno accolto con favore le proposte supplementari presentate dalla Turchia per affrontare il problema della migrazione.

Il Comunicato della Commissione europea del 16 marzo 2016

 

Per approfondire

Pin It