Comune di Verona: assegno di maternità comunale alle donne straniere anche non lungosoggiornanti

A seguito delle azioni giudiziarie antidiscriminazione promosse dai legali della sezione veneta dell’ASGI, il Comune di Verona, con determinazione dirigenziale n. 918 dd. 25 febbraio scorso, ha esteso anche alle cittadine straniere di Paesi terzi non membri dell’Unione europea in possesso di permesso di soggiorno ordinario e non lungosoggiornanti, l’accesso alla prestazione sociale familiare deno...

Corte costituzionale: edilizia residenziale pubblica, illegittimo il requisito di anzianità di residenza di otto anni

La previsione dell’obbligo di residenza da almeno otto anni nel territorio regionale, quale presupposto necessario per la stessa ammissione al beneficio dell’accesso all’edilizia residenziale pubblica (e non, quindi, come mera regola di preferenza), determina un’irragionevole discriminazione sia nei confronti dei cittadini dell’Unione, ai quali deve essere garantita la parità di trattamento rispe...

UNAR: Parere su prestazioni sociali familiari e Accordi euromediterranei

L’11 giugno scorso, l’UNAR (Ufficio Nazionale Anti-Discriminazioni Razziali) ha inviato ad un Comune italiano che l’aveva richiesto un parere riguardo all’accesso di alcuni cittadini tunisini e marocchini all’assegno INPS per nuclei familiari numerosi, previsto dall’art. 65 della l. n. 448/1998 (D.M. 21.12.2000, n. 452). Il Comune aveva richiesto il parere dell’UNAR in relazione al fatto......

Direttiva 2014/54/UE sui diritti dei lavoratori comunitari e familiari distaccati

In vigore dal 21 maggio 2014 la direttiva 2014/54/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione Europea relativa alle ‘Misure intese ad agevolare l’esercizio dei diritti conferiti ai lavoratori nel quadro della libera circolazione dei lavoratori’, che contiene nuove norme volte a garantire una migliore applicazione a livello nazionale del diritto dei cittadini UE di lavorare...