Anche per il Tribunale di Milano lo straniero può autocertificare i redditi esteri per accedere all’assegno sociale

Con sentenza del 9.10.2017 il Tribunale di Milano ha confermato l’orientamento giurisprudenziale secondo il quale lo straniero può autocertificare – anche con dichiarazione negativa – i redditi prodotti all’estero, a condizione che lo Stato di appartenenza non sia incluso nella tabella allegata all’art. 1 DM 12.5.2003.

Anche la Corte d’Appello di Torino riconosce l’assegno di natalità ai titolari di permesso unico lavoro

Si fa sempre più consolidata la giurisprudenza che riconosce la diretta applicabilità dell’art. 12 della direttiva 2011/98 con conseguente disapplicazione delle norme nazionali che escludono i titolari di permesso unico lavoro dal diritto a prestazioni di sicurezza sociale e in particolare dall’assegno di natalità di cui all’art. 1 comma 125 L. 190/2014.