L.A.W. Leverage the access to welfare

Cos’è LAW?
LAW – Leverage the Access to Welfare – è un progetto di ASGI e del Centro Studi Medì di Genova, che da febbraio 2022 promuove la parità di accesso al benessere sociale sul territorio nazionale, attraverso un approccio giuridico e socio-economico per garantire la corretta applicazione della normativa antidiscriminatoria italiana ed europea.

Quale sfida coglie il progetto?
Agevolare l’accesso alle misure di welfare e al benessere sociale delle persone straniere per promuoverne una maggiore inclusione sociale. È necessario monitorare e contrastare le politiche e le pratiche di esclusione messe in atto dalla pubblica amministrazione, promuovendo una cultura dei diritti al fine di garantire parità di accesso alle prestazioni previdenziali, assistenziali e del mercato del lavoro ai migranti residenti nel territorio italiano.

Azione Giuridica

  • Supporto legale
  • Analisi delle prassi discriminatorie delle istituzioni
Segnala una discriminazione

Ricerca socio-economica

  • Analisi delle discriminazioni dei migranti, in particolare delle donne, nell’accesso al sistema di welfare
  • Il Centro Studi Medì ha predisposto un questionario destinato a cittadini di origine straniera per studiare le esperienze di discriminazione nel quotidiano:
Puoi compilare qui il questionario

Formazione e divulgazione

  • Conoscere i propri diritti è il primo passo per difenderli
  • LAW prevede l’organizzazione di formazioni per persone straniere, in particolare per donne migranti, sull’accesso al sistema di welfare e al mercato del lavoro. Saranno anche organizzati corsi che approfondiscono la normativa nazionale e comunitaria in materia per i professionisti che lavorano con utenti stranieri.
  • Verranno predisposti materiali multimediali quali video e infografiche per divulgare in modo accessibile il complesso sistema di diritti legati al welfare.

News di LAW


Project coordinator: Alberto Guariso | antidiscriminazione@asgi.it


Funded by the European Union. Views and opinions expressed are however those of the author(s) only
and do not necessarily reflect those of the European Union or European Commission. Neither
the European Union nor the granting authority can be held responsible for them.