Raccomandazioni dell’OIM alla Croazia sulla gestione del mandato semestrale alla guida del Consiglio dell’UE

Il mandato della Croazia alla presidenza del Consiglio dell’Unione europea, iniziato il primo gennaio 2020, si svolgerà in un periodo in cui verranno discusse diverse politiche europee relative, più o meno direttamente, alla questione migratoria. Sono imminenti infatti un nuovo patto su migrazioni ed asilo, una nuova strategia nel rapporto UE-Africa, la definizione del quadro finanziario pluriennale e dell’European Green Deal, l’individuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibili dei prossimi 10 anni. 

In questo contesto l’OIM ha pubblicato le sue raccomandazioni per l’operato del presidente del consiglio dell’UE:

  • Definire un approccio organico nella politica migratoria, dando priorità ad accessi legali e flessibili a lavoratori migranti in Europa e nel contempo promuovendo degli accordi con paesi di origine, di transito e di arrivo per definire programmi di “ritorno e reintegrazione”;

  • Formulare le riforme necessarie per definire un Sistema Europeo Comune di asilo;

  • Sviluppare politiche basate su ricerche in grado di offrire dati affidabili, queste dovranno essere quindi oggetto di investimenti da parte dell’Unione;

  • Impostare il budget del quadro finanziario pluriennale in modo da sostenere strategie politiche migratorie lungimiranti;

  • Assicurare che l’European Green Deal includa una sezione sulla connessione tra cambiamento climatico e migrazioni e di conseguenza definire delle politiche in grado di affrontare congiuntamente entrambi

Raccomandazioni alla presidenza della Croazia nel Consiglio dell’Unione europea


Pin It