Il Comune di Altopascio modifica bando di assunzione a seguito della nota di ASGI

Il Comune di Altopascio -provincia di Lucca- ha indetto un avviso pubblico per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di una persona con la qualifica di bibliotecario prevedendo, tra i requisiti di ammissione, la cittadinanza italiana o dell’Unione Europea

Il servizio antidiscriminazione è intervenuto con lettera in data 6 giugno u.s. specificando i motivi dell’illegittimità dell’esclusione in quanto il bando non teneva conto dei requisiti di cui all’art. 38 D.lgs. 165/01.

Tale norma riconosce infatti il diritto di accesso a tutti i posti di lavoro pubblico (salvo a quelli indicati nel DPCM 7.2.94 n. 174) anche agli stranieri titolari di permesso di lungo periodo (che rappresentano più della metà degli stranieri presenti in Italia), ai familiari di cittadini dell’Unione Europea e ai titolari di protezione internazionale.

Poiché le mansioni di bibliotecario non rientrano, ovviamente, tra quelle attinenti l’esercizio di pubbliche funzioni o la tutela dell’interesse nazionale di cui al DPCM 174 cit., l’apposizione di un requisito di cittadinanza italiana o dell’Unione Europea costituisce discriminazione e va pertanto rimosso.

Il Comune ha risposto a strettissimo giro, comunicando che, con Determina del 12 giugno, ha provveduto alla rettifica del bando, ammettendo alla selezione i cittadini Extra UE ai sensi  dell’art. 38 d.lgs. 165/2001.

Il Comune ha inoltre precisato che le modifiche apportate, nonché il nuovo avviso di selezione, sarebbero stati pubblicati sul sito Istituzionale del Comune e sulla Gazzetta Ufficiale –quarta serie speciale – concorsi ed esami.

Pin It