Tribunale di Bari, II sezione civile, ordinanza del 7 aprile 2016

La corrente religiosa dei darwishi gonabadi (corrente dell’Islam sufi di tipo ascetico e mistico diffusa in Iran e Turchia) è, secondo attendibili fonti internazionali, da anni perseguitata dal governo iraniano, sicché deve ritenersi che gli aderenti a tal credo religioso siano perseguitati da forze statali per ragioni di appartenenza religiosa.

Protezione internazionale – cittadino iraniano di religione darwishi gonabadi – ricorso ex art. 35, D.Lgs. 25/2008 – domanda di riconoscimento dello status di rifugiato – accertata persecuzione in Iran degli appartenenti alla corrente religiosa dei darwishi gonabadi – fondatezza della domanda ex artt. 7 e 8, D.Lgs. 251/2007

Tribunale di Bari, sez. II civ. ordinanza 7.4.2016, est. Rinaldi, XXX (avv. Patruno) c.Ministero dell’interno e Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale di Bari