Incremento una tantum della carta acquisti per i nati nel 2014: ancora un bonus bebè discriminatorio (e inutile)

Con il decreto del Ministero per gli Affari Regionali e le autonomie del 23 giugno 2016 (GU n. 192 del 18-8-2016) è stata prevista la concessione di un “contributo una tantum per il sostegno ai bambini nati nel corso dell’anno 2014 appartenenti a famiglie residenti a basso reddito“.

‘’Burkini’’, ASGI: si rispetti la libertà di culto

Burkini sul lungomare, polemiche a Trieste . L’ASGI interviene ricordando che la nostra Costituzione e la Carta europea per i Diritti dell’Uomo garantiscono la libertà di culto.Una decisione che andasse in direzione contraria sarebbe discriminatoria e  costituirebbe una grave violazione dei principi costituzionali e comunitari .

Assegno sociale e rientro temporaneo in patria: illegittima la pretesa di restituzione

Due recenti pronunce (Tribunale di Brescia, 4 agosto e Tribunale di Arezzo, 13 luglio)  hanno affrontato la questione della sospensione dell’assegno sociale e della conseguente pretesa di restituzione da parte dell’INPS  di quanto percepito per gli stranieri che rientrano temporaneamente in patria.

La Corte di Appello di Genova rinvia alla Corte di Giustizia l’assegno per i nuclei famigliari numerosi

Con l’ordinanza dell’ 1.08.2016, la Corte d’Appello di Genova ha rimesso una questione pregiudiziale alla CGUE in merito al contrasto tra l’art. 12 della direttiva 2011/98 e l’art 65 L 448/1998 che istituisce l’assegno per i nuclei famigliari con almeno tre figli nella parte in cui esclude i titolari di permesso unico di lavoro.

Regolamento comunale discriminatorio: amministratore e consiglieri condannati a risarcire il danno erariale

Sbagliare è umano, perseverare è danno erariale. La sezione regionale della Lombardia della Corte di Conti ha condannato, con la decisione 144/2016 pubblicata il 4 agosto 2016, alcuni componenti della Giunta Comunale e del Consiglio Comunale (Lega Nord) di Tradate per danno erariale.

Nuova pronuncia sul bonus bebè: il giudice del Lavoro di Como conferma che spetta anche alle cittadine con permesso per motivi famigliari

Si consolida la giurisprudenza di merito ‎ che conferma il diritto al “bonus bebé” per le cittadine extra UE residenti in Italia con titolo di soggiorno diverso dalla carta di soggiorno di lungo periodo.