Corte di Giustizia Europea: la cittadina extra UE titolare di permesso unico lavoro ha diritto all’assegno famiglie numerose

Con sentenza del 21 giugno 2017 la Corte di Giustizia Europea, esaminando il caso di una signora ecuadoriana alla quale il Comune di Genova e l’INPS avevano negato l’assegno famiglie numerose, ha affermato che i cittadini extra UE titolari di un permesso che consente di lavorare hanno diritto alla parità di trattamento nell’accesso alle prestazioni di sicurezza sociale in forza dell’art. 12 diret...

La Corte d’Appello di Milano riconosce il diritto al bonus bebè ai  titolari di permesso unico lavoro

Dopo le decisioni favorevoli della Corte d’appello di Brescia , anche la Corte d’Appello di Milano - con sentenza del 29 maggio 2017 - ha riconosciuto il diritto di una cittadina extra UE titolare di permesso unico lavoro al cd. bonus bebè di cui all’art. 1 comma 125 L. 190/2014 riformando l’ordinanza del tribunale di Lodi del 11.10.2016.

Circolare INPS e “premio alla nascita”: confermata l’esclusione degli stranieri non lungosoggiornanti

Con la circolare n. 78 del 28 aprile 2017 l'INPS interviene nuovamente sulla prestazione “premio nascita” specificando le modalità di presentazione della domanda e confermando il diritto di accesso al beneficio per i soli cittadini italiani, comunitari, titolari di protezione internazionale, familiari extraUE di cittadini UE e titolari di permesso di lungosoggiorno.

Assegno sociale e rientro temporaneo in patria: illegittima la pretesa di restituzione

Due recenti pronunce (Tribunale di Brescia, 4 agosto e Tribunale di Arezzo, 13 luglio)  hanno affrontato la questione della sospensione dell’assegno sociale e della conseguente pretesa di restituzione da parte dell’INPS  di quanto percepito per gli stranieri che rientrano temporaneamente in patria.

INPS apre la selezione per la pratica forense ai cittadini stranieri

A seguito della segnalazione di ASGI in merito al carattere discriminatorio del requisito della cittadinanza UE per partecipare alla selezione inerente lo svolgimento della pratica forense presso gli uffici dell’Avvocatura dell’INPS, è stato pubblicato in data odierna l’avviso di integrazione ai bandi dello scorso 20 giugno, con cui viene esteso l’accesso alla selezione ai...

L’INPS esclude gli stranieri dalla pratica legale presso le sedi dell’avvocatura dell’Istituto

Chiunque abbia frequentato un corso di laurea in Giurisprudenza in Italia ha avuto modo di condividere studio e lezioni con colleghi e colleghe provenienti da paesi non UE. Le laureate e i laureati di nazionalità non UE dei nostri corsi di giurisprudenza non possono però svolgere la pratica forense presso gli uffici centrali e regionali...

Corte di Appello di Brescia: INPS discrimina quando non consente il computo dei familiari residenti all’estero

La Corte di Appello di Brescia si pronuncia nuovamente sul carattere discriminatorio del comportamento dell’INPS che non consente il computo nel nucleo familiare del cittadino straniero lungosoggiornante –   ai fini del pagamento del relativo assegno – dei familiari residenti all’estero, mentre ne consente il computo per il cittadino italiano.