Anche il Tribunale di Bari riconosce la diretta applicabilità della direttiva 2011/98

Con ordinanza del 20 dicembre 2016 il Tribunale di Bari ha riconosciuto il diritto all’assegno di maternità di cui all’art. 74 d.lgs. 165/2001 ad una cittadina egiziana titolare di permesso di soggiorno per motivi familiari.

Il giudice ha infatti riconosciuto la sussistenza di una discriminazione posta in essere dall’INPS e dal Comune di Bari; l’esclusione di una titolare di permesso unico lavoro dalla prestazione in oggetto  è infatti in contrasto con  il principio di parità di trattamento in materia di sicurezza sociale previsto dall’art. 12 Direttiva 98/2011 che trova diretta applicabilità nel nostro ordinamento.

In particolare, richiamando la giurisprudenza della  CGUE e della Corte Costituzionale, il Tribunale di Bari ha riconosciuto che la normativa comunitaria deve trovare immediata applicazione non solo da parte dei giudici nazionali ma anche da parte della PA nell’esercizio della sua attività amministrativa.

 

Pin It